Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
ULTIMA ORA
Torna su

Torna su

Nessun Commento

8 Marzo, Vittorio Savoia omaggia la donna calabrese Versi di una canzone che il pastore canta alla sua donna amata

8 Marzo, Vittorio Savoia omaggia la donna calabrese Versi di una canzone che il pastore canta alla sua donna amata
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Vorrei fare, oggi otto marzo, un omaggio alle donne. La tradizione calabrese è ricca di canzoni che lodano la bellezza , la grazia delle donne campagnole. Molto bella questa popolare canzone che il pastore canta alla sua donna amata:

“ ‘O giuvinella mia, muntagna d’oru, / culonna, chi susteni la me’ vita, / non ti cangerrìa ne’ pe’ nu trisoru, / nemmeno pe’ na banca di munita. / Ssi capilluzzi toi su fili d’oru, / tu m’hai tiratu culla calamita. / Venecci ‘n’ura prima quando moru; / viju la to figura e tornu ‘nvita !!!:”

E ricordandosi degli occhi della sua innamorata, che egli per non averne visti altri più belli, crede siano stati rubati alla Madonna della Schiavonia, domanda:
“ Dimmi, gioiuzza mia, chi t’a’ criatu / tanta grazia, bellizza e simpatia; / dimmi si ‘st’occhi l’arissi arrubbati / alla Madonna di la Scavunìa; / ca ‘n’ura di riposu nu m’ha’ datu / ‘e chillu jornu ch’àju guardatu a tia, / nci vaju pazzu e ‘nci vaju disperatu, / ‘ssu povaru ed affrittu cori mia!”

Intanto, egli è da più tempo che ama la sua bella; e le dice che finirebbe col morire, se dovesse passare l’anno senza sposarla:
“Mi curcu tardu e mi levu ‘o matinu,/ fazzu la cumpagnia allu rusignolu. / Vorrìa d’essari aciellu vulantinu / e supra l’atri acelli azàri ‘u volu. / Ci passu e passu du ssu’ to’ jardinu, / viju li belli frutti, e no’ li provu. / Si passa ‘stannu e non provu ‘nu piru / mi ‘ndi cadu malatu e mi ‘ndi moru !”

Altro bel canto d’amore:
“Vorrìa d’èssari petra si potissi,/ ed alli mura toi mi fracassassi; / ‘e ‘ssu pettuzzu ‘na funtana escissi, / ed iu comu ‘nu pisci ci natassi. / Tu m’assimìi la luna quando crisci, / chi va pe’ li muntagni aita e bascia. / Ti pregu, bella, quando va alla missa, ‘nu suspiru d’amuri mi ci lassi.”

Concludo con questo bel canto:
“Sona, chitarra, e dici ‘na canzuna / a chissa chi mi fa sempri penari: / ‘nu chiovu m’a’ mpizzatu intra lu cori; / rimediu non ci n’è pe’ lu cacciari. / Vidi chitarra se sbotari poi, / trova rimediu tu com’aju a fari; / ca iu ( nu ‘mpassa tempu), e mi ndi moru,/ ccu’ stu doluri no’ mpossu campari !…”
I proverbi che sono l’espressione del sapere e della esperienza ci dicono:
“ Ama chi ti ama; / rispundi a chi ti chiama.” – “chi pati p’amuri / non soffri doluti” –“ Tri cosi non si ponnu mai scordari: patria, amicizia e primu amuri.” -“ Non c’è sabatu senza suli; nen c’è vecchiu senza duluri; non c’è giuvani senz’amuri; non c’è maju senza juri!!” – “ Ogni juri è signu d’amuri “ – “Ama cori gentili, e sia ‘na vecchia; mangia carni di pinna, e sia curnacchia”.

Partecipa alla discussione