Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
ULTIMA ORA
Torna su

Torna su

Nessun Commento

Sant’Andrea e le festività natalizie L’arrivo del mese di dicembre e quindi del Natale veniva avvertito dallo zufolare

Sant’Andrea e le festività natalizie L’arrivo del mese di dicembre e quindi del Natale veniva avvertito dallo zufolare
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Le festività natalizie, secondo un antico proverbio della civiltà contadina calabrese, venivano introdotte ad opera del messaggero S. Andrea apostolo che si venera il 30 novembre ed era uso recitare i seguenti versi: “Sant’Andria (30 nov.) portau la nova / ch’allu sei (6 dic.) è di Nicola, all’ottu (8 dic.) è di Maria, allu tridici ( 13 dic.) è di Lucia e allu vinticincu (25 dic.) di lu veru Messìa” altra versione di questo annunzio dice: “Santu Ndria ha portat’ ‘a nova / alli sei è di Nicola, / all’ùottu è di Maria, / alli trìdici è di Lucia, / alli ventunu San Tumasu canta: / – ‘U vinticincu è la Nascita Santa !-“ TRADUZIONE “Sant’Andrea ha portato la nuova:/ il sei è di Nicola / l’otto è di Maria, / il tredici è di Lucia, / il ventuno San Tommaso canta: / – il venticinque è la Nascita Santa !-“.

L’arrivo del mese di dicembre e quindi del Natale veniva avvertito dallo zufolare: “Quandu senti i fischetti sonari / tiralleru ! E’ venutu Natali”. In alcuni paesi del cosentino, così cantano: “Sona sona fischiettieddu / cà mo vena lu Natali, / e ti porta ‘nu regalu: / ‘i Turiddi e bisinieddi / e ti porta ‘a giurgiulena, / sona sona cà mo vena!” – TRADUZIONE: “ Suona suona fischiettino, / chè ora viene il Natale, / e ti porta  un regalo: / (le fritture) / e ti porta il sesamo, / suona suona che ora viene !”

Il sei dicembre ci ricorda che: “A Santu Nicola ogni mandra faci a prova” ed in questo giorno i pecorai iniziano a fare le prime ricotte. Sempre in questo giorno si usa ricordare quest’altro proverbio: “ A Santu Nicola ogni vajuni sona” perché in quei giorni a causa delle piogge, i torrenti, ingrossandosi, precipitano rumorosamente a valle.

Sappiamo che la riforma gregoriana ha fissato il solstizio d’inverno, e quindi il giorno con le minori ore di luce, nella giornata del 21 dicembre. Nella tradizione popolare, però, questo giorno viene ancora mantenuto nella giornata del tredici dicembre (Santa Lucia) “A Santa Lucia, u jornu cchiu’ curtu chi ci sia” (Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia). In questo giorno dice pure: “ Da Santa Lucia a Natali ‘u jornu s’allonga quantu nu passu di cani” (Da Santa Lucia a Natale il dì s’allunga quanto un passo di cane.) Ed ancora “Pe’ Santa Lucia e pe’ Natali, ‘u massaru ammazza ‘u maiali !” (Per Santa Lucia e per Natale, il contadino ammazza il maiale.). Chiudiamo la rubrica, oggi, con l’inserire un canto di Tropea su Sant’Andrea, protettore dei pescatori: “Sant’Andria d’i piscaturi, / è la santu prutetturi, / e la genti ‘i Parghelia, / chi la sciabaca manìa, / Beja festa a Iju nci fa’ / Pi’ la grandi fidi c’ha. / E dicimu nui a Trupia: / Quandu èni Sant’Andria / fannu i zippuli a Pargalia.”TRADUZIONE (Santo Andrea dei pescatori,/ è il santo protettore, / e la gente di Parghelia, /  che la rete sciabica ha sempre nella mani, / Bella festa a Lui (S. Andrea) ci fa / per la grande fede che ha. / E diciamo noi a Tropea: Quando è di S. Andrea / fanno le zeppole a Parghelia.)

 

Partecipa alla discussione