Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
ULTIMA ORA
Torna su

Torna su

Nessun Commento

Intervista in esclusiva a Ron E' l’ospite speciale dell’ultimo appuntamento di Libriamoci a Gioia Tauro

Intervista in esclusiva a Ron E' l’ospite speciale dell’ultimo appuntamento di Libriamoci a Gioia Tauro
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Rosalino Cellamare in arte “Ron: è lui l’ospite speciale dell’ultimo
appuntamento di Libriamoci, evento promosso a Gioia Tauro per i giovani
studenti. Nella caratterista cornice del CineTeatro “Politeama” ha
entusiasmato la folla con i suoi aneddoti e le sue canzoni. Per l’occasione
ha anche offerto ad ApprodoNews una breve intervista:

Ron, grande nome della musica italiana, non penso abbia bisogno di
ulteriori presentazioni, ma brevemente potresti raccontarci la tua storia?

Io e la musica siamo una cosa sola fin dalla nascita. Fin da bambino amavo
cantare tra le campagne della Lomellina, dove sono nato, da lì poi
cominciai a fare concorsi ed ottenni la definitiva consacrazione.

Nel 1971, appena 18enne, ad “Un disco per l’estate” ti ritrovi a
cantare “Il Gigante e la Bambina”, pezzo scritto da Paola Pallottino e
musicato da Lucio Dalla che affronta un tema delicato come lo stupro, il
pezzo infatti è stato addirittura censurato

Il pezzo è stato motivo di grande responsabilita per me, a 18 anni
trovarsi “un’incudine” del genere addosso non è stato facile. La censura,
che allora mi diede fastidio, oggi credo fosse un segno, un’avvisaglia. A
volte il silenzio è utile per affrontare davanti a drammi simili ci vuole il
rispetto per il dolore e la dignità.

Andiamo ad oggi, in un’epoca in cui la musica impegnata lascia spazio a
quella da “Primo Ascolto”, in cui il banale spesso è preferito al
complesso, hai pubblicato l’11 Marzo del corrente anno “La forza di Dire
Sì, doppio album con la collaborazione di molti artisti il cui ricavato
finanzierà AISLA, un’associazione che si occupa di ricerca contro la
Sclerosi Laterale Amiotrofica. Che riscontri hai avuto? 

Ho deciso di diventare Testimonial AISLA dopo aver visto da vicino il
disastro che comporta la SLA. Il mio migliore amico, Mario Melazzini, si
ammalò un paio di anni fa, ed è standogli vicino che mi son reso conto di
quanto poco avevo capito della vita. Il ricavato del mio album finanzierà
l’AISLA. La musica oggi è cambiata, nessuno compra più gli album, con
l’avvento del Web la vendita dei dischi sta calando nevralgicamente. Basti
pensare che oggi per vincere il Disco d’Oro basta vendere 25.000 Copie a
dispetto delle 250.000 che servivano negli anni precedenti.

A Gioia Tauro ci sei già stato in concerto, oggi torni a presentare i
tuoi progetti, quali sono le sensazioni nel ritornare in questa terra?

Ho già suonato da queste parti, anche ultimamente, del posto ammiro
l’affetto della gente. Oggi mi ritroverò davanti una platea giovane, mi
piace dialogare con i ragazzi, il futuro della nostra società, riescono a
darmi stimoli enormi e non vedo l’ora di dibattere con loro.

ron-a-gioia-tauro

Partecipa alla discussione